Un grave caso di Malasanità, Il M5S chiede spiegazioni a Zingaretti

Davide Barillari e Devid Porrello, consiglieri del M5S Lazio, hanno depositato un’interrogazione diretta al Presidente e commissario Zingaretti, in merito a quanto accaduto a un ragazzo di 20 anni, che nel maggio 2013 è stato curato dalla clinica Nuova Itor per una banale frattura della tibia e invece aveva un grave tumore osseo con metastasi ai polmoni. Il paziente, ha dovuto subire anche l’amputazione della gamba. In seguito è stata presentata una denuncia ai carabinieri del Nas di Roma contro un ortopedico della casa di cura Nuova Itor, inchiesta tuttora in corso.

“Vogliamo sapere – ha dichiarato Barillari – perché  il responsabile del presunto caso di malasanità non è stato sospeso, ma continua ad operare nella struttura accreditata che nel 2013 ha ricevuto oltre 12 milioni e mezzo di euro dall’amministrazione regionale. Ci interessa conoscere le azioni di verifica effettuate dalla regione per comprendere e valutare lo stato dell’accreditamento di tale struttura e se persistono le garanzie di assistenza sanitaria ai pazienti, sia per le competenze del personale e sia per la qualità dei servizi erogati. In merito al caso del paziente a cui è stata amputata una gamba, vogliamo cosa ha fatto la direzione sanitaria e se si sono intraprese azioni cautelari nei confronti dello specialista ortopedico della Nuova Itor, incorso in un errore medico causato da ‘imperizia e negligenza’  e che non ha ammesso per tempo di aver sbagliato la diagnosi causando ritardi nelle cure, peggioramento delle condizioni di salute del giovane, impedendo di intraprendere idonei percorsi di assistenza che avrebbero potuto evitare la successiva amputazione dell’arto, con inimmaginabili sofferenze del giovane e dei suoi famigliari. Anche Assotutela ha richiesto che il medico e l’équipe che hanno operato Domenico, sbagliando la diagnosi e, cosa ancor più grave, tenendo nascosto l’accaduto alla famiglia, siano sospesi, in via cautelativa. Ad oggi nessuna azione cautelativa risulta essere stata effettuata dalla direzione aziendale. La malasanità esiste, nonostante quanto dice la maggioranza regionale, e il prezzo lo pagano sempre e solo i cittadini.”

romareport.itFonte: romareport.it

di  romareport.it

Venerd’ 6 giugno 2014

 

.

.