Presunti casi malasanità: assessore Puglia, accertamento eventuali responsabilità

malasanità_puglia“Stiamo valutando attentamente i casi e saranno portate a termine tutte le azioni per accertare le eventuali responsabilità”. Lo assicura l’assessore alle Politiche della Salute della Regione Puglia, Donato Pentassuglia, alla luce dei presunti casi di malasanità avvenuti in alcuni reparti dell’Ospedale della Murgia e oggi al Santissima Annunziata di Taranto. Nel primo caso sono morti due bambini rispettivamente ad agosto e ai primi di settembre, (entrambi morti al pediatrico di Bari, dopo essere passati dal ‘Perinei’). Sabato mattina è deceduto un neonato, subito dopo un parto cesareo sempre nello stesso nosocomio.
Al Santissima Annunziata di Taranto, oggi, una partoriente è morta subito dopo aver messo alla luce il piccolo che invece gode di buona salute. “Con l’apertura delle procedure di verifica da parte delle Aziende e con la nomina delle commissioni di indagine – aggiunge – sono stati presi i provvedimenti volti a tutelare la sicurezza del sistema sanitario pubblico. Perché le attività di verifica fanno parte proprio della sicurezza del sistema sanitario pubblico che è garantita secondo i protocolli che sono applicati con il massimo rigore”, conclude Pentassuglia.

“Sono convinto che, se vi sono state forme di negligenza nel formulare una giusta diagnosi, da parte del personale medico – ha sottolineato il consigliere regionakle dei Moderati e popolari Giacinto Forte, a proposito dell’ultimo episodio – è giusto che sia accertato nell’ambito dell’inchiesta interna, disposta dalla Asl, o anche dall’autorità giudiziaria, nel caso sia stata chiamata in causa, per avviare un procedimento di accertamento di responsabilità. Tuttavia, questi accadimenti dolorosi, contribuiscono a minare la credibilità di una struttura ospedaliera, così giovane, (che in pochi mesi si è conquistata una cattiva nomea), che sarebbe dovuta essere il fiore all’occhiello di questo territorio. Simili casi non possono essere considerati, incresciosi e fatali incidenti di percorso. Purtroppo, si continuano a registrare carenze strutturali ed organizzative – evidenzia Forte – acuite da questi ultimi casi di morti sospette, in questi ultimi mesi. Vorrei sollecitare ancora una volta, senza temporeggiare ulteriormente, un intervento in loco, dell’Assessore alla Sanità Pentassuglia, per verificare di persona, organizzazione e livelli di efficienza, dei servizi sanitari offerti nel nosocomio della Murgia”.

 

altamurgiaFonte:  altamurgia.it

di  Pasquale Dibenedetto
 
Lunedì 22 settembre 2014
 
 
.
.
.

www.risarcimenti-online.it