Infortuni sul lavoro: settemila casi nel 2013 per una spesa di 4 milioni

Gli infortuni sul lavoro a Lucca nel 2013 sono stati circa settemila per una spesa di quasi 4 milioni e il settore dell’edilizia registra ancora un numero troppo alto di irregolarità e un aumento del mercato del nero. Le principali violazioni alla normativa riguardano la prevenzione da cadute dall’alto e i ponteggi. Occorre continuare a investire in sicurezza e quindi in formazione e informazione su più livelli, per consapevolizzare al massimo tutti gli attori della filiera.

L’Amministrazione comunale è convinta che un punto di partenza possa essere proprio l’ufficio comunale che rilascia i titoli edilizi. Per questo l’assessore Serena Mammini ha ritenuto utile promuovere brevi incontri formativi interni, il primo dei quali si è svolto ieri mattina. Organizzato insieme al responsabile INAIL di Lucca Carmine Cervo, a Corrado Bernardi del Comitato Paritetico Territoriale Lucca (CPT, costituito da Associazione industriali, FILLEA CGIL, FILCA CISL, FeNEAL UIL di Lucca come strumento di miglioramento del sistema dell’edilizia lucchese) e ad Andrea Bigi di Cassa Edile Lucca che ha parlato della normativa Durc, il momento formativo ha visto la partecipazione dello stesso assessore, della squadra del settore Edilizia privata e del dirigente Graziano Angeli.

“Durante questo primo incontro è stata illustrata una guida prodotta dallo stesso CPT insieme al Coordinamento Toscano CPT (attivo nella promozione della cultura della sicurezza nei cantieri) e alla Direzione regionale dell’INAIL, e ringrazio per questo Corrado Bernardi e Carmine Cervo per la loro disponibilità e professionalità – commenta l’assessore Mammini – la finalità dell’opuscolo, che potrà anche essere scaricato dal sito del Comune, è quella di fornire uno strumento semplice per informare i cittadini sulle proprie responsabilità ma anche sulla possibilità di usufruire di sgravi fiscali operando nel rispetto delle regole. Penso a quanti si trovano per esempio a dover fare delle ristrutturazioni in casa”.

Si tratta di un depliant rivolto ai privati, ai proprietari di immobili, agli amministratori di condominio e ai titolari di aziende (comprese quelle agricole) che devono eseguire dei lavori di costruzione, ristrutturazione o manutenzione di un’opera edile. È un opuscolo di agile lettura che informa anche sulle sanzioni previste in caso di violazione dei diversi obblighi illustrati, a seconda dei contesti in cui ci si può trovare a operare.
L’opuscolo incentiva la sicurezza consigliando al proprietario di incaricare un Responsabile dei Lavori esperto in materia se non si possiede un’accettabile formazione tecnica e di farlo tenendo conto anche dell’esperienza e della professionalità, così come di rivolgersi a imprese che abbiano i mezzi per applicare le misure preventive per la salute degli operai sul cantiere.

“Si tratta quindi di una guida orientata e semplice verso valori che condividiamo – conclude Serena Mammini – e che necessitano di una diffusione capillare, costante, ripetitiva, specie in un momento di difficoltà come questo che invita a preferire l’illegalità ai costi troppo alti. Troppo spesso associamo il rispetto delle regole alla complicazione delle procedure e in momenti di crisi possiamo essere tentati dall’immediato risparmio, per questo una sana informazione è il primo tassello per migliorare.”

lagazzettadilucca.itFonte: lagazzettadilucca.it

di lagazzettadilucca.it

Sabato 21 giugno 2014

 

.

.